Lupin e Zenigata, Zenigata e Lupin

Lupin III

Chi sa quanti di voi hanno visto e rivisto durante l’infanzia il cartoon giapponese Lupin III, verosimilmente nipote del celeberrimo ladro francese ma facente lo stesso lavoro. Questa sorta di Robyn Hood dei nostri tempi, spericolato ed avventuriero, ha i suoi inseparabili amici: il samurai Goemon, il “pistolero” Jigen e la smaliziata quanto bella Margot (Fujiko nella prima serie, ovvero il nome originale giapponese). Ma Lupin ha anche un acerrimo nemico vestito in tutte le puntate sempre allo stesso modo come tutti i personaggi di questo manga: l’ispettore di polizia Zenigata detto Zazà, forse il personaggio più comico della saga giapponese. Il rapporto tra i due, inevitabilmente rivali come ogni guardia e ladro, è di amore ed odio. Lupin è quasi affettuoso nei riguardi di Zenigata, il secondo a volte protettivo. Di questo rapporto si potrebbe dare diverse interpretazioni psicologiche ma nessuna interpretazione è più autentica di quella data dallo stesso autore della serie che dagli anni ’80 ha accompagnato generazioni di fanciulli. In una delle ultime puntate Zazà si lascia andare e ci fa capire che la vita passata ad inseguire l’astuto ladro non avrebbe più senso senza un Lupin da inseguire e, aggiungiamo noi, che gusto ci sarebbe per il francese nel rubare senza sapere che questo provochi l’attenzione degli inquirenti? Ecco che i due vivono così quasi in simbiosi con l’uno che vive in funzione dell’altro. Questa accoppiata dal rapporto così particolare a me ricorda molto la situazione fra due politici italiani di oggi che si becchettano di continuo ma che si sono cibati della loro stessa rivalità: Matteo Renzi e Beppe Grillo. Brava persona il Matteone nazionale (in fondo anche Lupin è un buono) ma facente parte di un partito di cui diversi esponenti si sono macchiati di reati non dissimili a quelli del protagonista del cartoon in questione. L’ex premier non avrebbe fatto la strada che ha fatto se non avesse impersonificato l’attore giusto per fermare l’avanzata del Movimento Cinque Stelle. Scaltro, furbo come Lupin ha saputo contrastare abbastanza l’avanzata di Zenigata Grillo, usando in parte lo stesso sistema del rivale facendo cioè ampio uso della rete. I capoccia del PD ne erano ben consci e per questo l’hanno appoggiato come premier salvo poi abbandonarlo dopo l’esito del referendum. E Grillo? Che senso avrebbe lui ed il suo movimento senza Renzi che ha mantenuto in vita un insipido partito? Su cosa si basa Il Movimento Cinque Stelle se non attaccare gli altri partiti, di quale idea istituzionale si fa promotore? Nessuna. Inoltre al governo a Roma, grazie alla Raggi hanno infilato una serie di errori quasi fantozziani. Se poi guardiamo bene,  come Zenigata, Grillo insegue Renzi ma non riesce mai a catturarlo: quando lo attacca sul blog o sui media sbaglia sempre irremidiabilmente il modo o la causa e Lupin Renzi alla fine, di fronte degli Italiani, riesce sempre a farla franca.

Lascio a Voi individuare chi nell’entourage di Renzi potrebbe invece essere Goemon o Jigen! Accetto suggerimenti! Margot? Sicuramente la Boschi!! Abbiamo avuto una Margot castana nella prima serie di Lupin, mora nella seconda…adesso tocca alla bionda!! Attento Renzi! Alla fine potrebbe fregarti la Boschi e non Zazà!!

Joseph Gary

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: