Matteo Renzi Alias Carlo Conti

Auto cif

Il festival di Sanremo è alle spalle da più di una settimana ma, ancora per un bel periodo, ne ascolteremo le canzoni, che piacciono o meno.

La manifestazione è stata abilmente condotta da Carlo Conti che sembra essere la personificazione di Matteo Renzi nel mondo dello spettacolo.

Carlo Conti ha saputo rinnovare il festival in realtà ha solo dato l’impressione di farlo: è semplicemente tornato allo schema classico della gara sonora. Si presenta le canzoni una dietro l’altra, le si votano e che vinca il migliore. Questo non vuol dire che manchino gli ospiti ma gli si fa fare da valletti o li si relegano in un momento specifico dello show. Ha fatto quello che era logico, ha fatto quello che la gente si aspettava da anni ed ha avuto successo ma non mi dite che quello che ha portato ha stravolto il Festival di Sanremo, lo ha reso originale, unico, finalmente un modello…

Lo stesso si può dire di Matteo Renzi: entra in politica dicendo di spaccare il mondo, rottamare gente che si stava auto rottamando ma alla fine ha fatto una serie di riforme per lo più inevitabili con il Movimento 5 Stelle alle calcagne, la protesta e la disaffezione alla politica dilaganti. Ha sfruttato il momento, ha cavalcato l’onda ma alla fine non ha saputo stravolgere, fare il cambiamento definitivo che da questo Blog chiedevamo. Come Carlo Conti è rimasto il bravo presentatore formale attento a non toccare questo o quel tasto per non infastidire chi non si deve, ma al tempo stesso apparire come riformatore. La riforma del Senato (quella che più interessava Comunità in Fermento) più volte annunciata come fatta, deve essere ancora definitivamente approvata dalla Camera e poi sottoposta (anche giustamente) al consenso popolare tramite referendum. Se passa sarà per noi solo una base su quale lavorare. Non vogliamo un senato che rappresenti le comunità come subalterno totalmente all’altra camera. Ma questo sarà argomento di un altro articolo.

Insomma forse il Matteo ed il Carlo nazional-popolari non sono la stessa persona ma poco ci manca ;-). Entrambi fiorentini, vengono da una regione la Toscana che non è mai stata al centro di una forte richiesta di autonomia, che sembra essere entrata nell’establishment italiano e non solo politico (Conti ne è l’esempio) per tornare ad avere, senza consapevolezza, una certa forza.

Dai, siete contenti son tornato a parlarvi un po’ di politica!!

Un salutone a tutte/i!

A presto! Ciao!

Joseph Gary.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: