Una giornata al parco

Cartello Direzione Parco

Il contatto con alcune liste locali presenti alle recenti amministrative mi da lo spunto per affrontare un argomento mai toccato o forse soltanto sfiorato su queste pagine. Mi riferisco alla tanto declamata tutela dell’ambiente. Il voler bene alla propria comunità vuol dire anche mantenerla pulita nel senso di non inquinata e nel senso di non sporca.

Chi si sente partecipe di una collettività deve battersi per impedire scelte che la possono inquinare che a farlo sia un industria od un sistema di smaltimento di rifiuti. La disindustrializzazione delle città ha risolto solo in parte il primo problema, basta pensare a quello che si vede a Taranto dove i cittadini ancora si battono per mantenere uno stabilimento che deve continuare a dare lavoro ma lo deve fare in maniera pulita. Tenere alta la guardia quindi, pretendere controlli alle aziende, miglioramenti, stare informati anche sulla situazione dello smog e polveri sottili provocate dal traffico. Anche qui con la diminuzione dei gas di scarico delle auto moderne sicuramente si fa meno fatica a mantenersi sotto i limiti previsti a livello europeo ma non c’è da cantare vittoria. Un sistema viario più efficiente (raddoppio della sede stradale dove possibile, magari underground per le corsie preferenziali), mezzi pubblici all’avanguardia (tramvie, metropolitane), vere piste ciclabili (non quelle “dipinte” su i marciapiedi), sarebbero un altro passo importante verso la sconfitta di un certo tipo di inquinamento e la riduzione del problema traffico. Stare un’ora e più in macchina per andare al lavoro dovendo percorrere pochi chilometri non è un bel vivere nella propria città…Per quanto riguarda invece l’aspetto dei rifiuti urbani la scelta di puntare sulla raccolta differenziata pare la più giusta e deve essere la più ampia possibile, nel senso che deve essere possibile in tutti i quartieri della città e dividendo il più possibile per tipologia di rifiuto. Questo comporta una più alta percentuale di riciclaggio ed una minore quantità di inquinamento dovuta allo smaltimento. A proposito delle distruzione dell’immondizia si fa un gran discutere della nuova generazione di inceneritori che sembrano essere meno inquinanti. Non ho la conoscenza tecnica per dare un giudizio ma la logica dice che meno traffico c’è e meno rifiuti da smaltire ci sono e comunque meno inquinamento ci troveremo di fronte. Se poi i nuovi sistemi di eliminazione dei rifiuti fanno meno danni ancora meglio, intanto produciamo meno schifezze!

Per quanto concerne invece la pulizia della città anche qui è d’obbligo l’impegno di tutti a non gettare le cose in terra ed a pulire i dintorni di casa ed attività oltre che smaltire i rifiuti solo dove e nei modi conformi. Oltre che un fatto di rispetto delle propria comunità magari da spiegare al proprio “vicino”, è anche un fatto di educazione. Un efficiente sistema di pulizia delle strade da parte dei Comuni fa il resto. Se poi si evita di sporcare i muri con inutili scritte o brutti disegni il cerchio si chiude, ci saranno degli spazi dove sbizzarrirsi in bei murales.

Bene allora non resta che trascorrere una bella giornata al parco con la famiglia o facendo un po’ di sport, un pic-nic od un po’ di jogging….Come? Vicino a casa vostra non c’è un parco? Nonostante l’Italia abbia un territorio densamente abitato si trova sempre un’area verde fuori dal paese od all’interno delle mura cittadine, il problema che a volte non è attrezzato. Allora pretendete da chi magari ha appena vinto le elezioni e lo ha fatto riempiendosi la bocca dell’amore per la propria comunità, che si impegni a far sì che un territorio inutilizzato diventi un parco degno di questo nome dove si possa trascorrere del tempo e magari socializzare come in una piazza. Un’area attrezzata con giochi per bambini ed impianti sportivi pubblici toglie dalla strada i più giovani!

Concludendo affermando, e lo si capisce leggendo questo articolo, che al di là della pura dimensione locale, Comunità In Fermento si aggiunge a quanti si battono per un ambiente più sano, verde, per uno sviluppo compatibile e per l’uso di energie rinnovabili.

Un saluto a tutte/i!

Il vostro Joseph Gary

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: